La crème brûlée, tradotta vuol dire “crema bruciata”, è un dessert di origini francesi che ho assaggiato una volta in qualche ristorante al nord Italia.

Da allora non ho più dimenticato la sensazione di sorpresa dello zucchero cristallizzato che fa crak! e lascia che la crema calda avvolga d’improvviso il cucchiaio e pure il cuore di chi l’ha provata. Ho voluto però variare, as always, dandogli lo zing che cercavo. Non che il sapore classico mi disturbi ma sono 28 anni che le righe troppo dritte le odio. Ho scelto il pistacchio per rendere la crema più aromatica ma senza alterarne la delicatezza che è l’anima di questa ricetta. Il peperoncino, poco mi raccomando, perché sono devota alle spezie piccanti. Ho provato quello a fili pentendomene amaramente. Il peperoncino o è fresco o al massimo essicato di Calabbbria. A parer mio.

Daje con la ricetta, armatevi di pazienza e siate pronti a godere di pura gioia.

2016-11-30-08-20-23

INGREDIENTI per 6 cocottes

Panna fresca 500 ml 
Tuorli  5
Zucchero  
100 gr
Pistacchi 70 gr sgusciati (va bene anche una crema al pistacchio se non avete voglia di sgusciarli tutti)
Peperoncino fresco 1/2
Zucchero di canna per la superficie q.b.

PROCEDIMENTO (be quiet!)

Cominciamo subito scaldando tutta la panna fresca in un pentolino insieme a 50 g di zucchero, l’altra metà ci servirà per unirlo alle uova dopo. Mettiamoci anche i pistacchi tritati moolto finemente (in polvere) e giriamo. Cuociamo a fuoco dolce finché lo zucchero non si scioglie del tutto. Spegniamo e lasciamo raffreddare. Accendiamo il forno, 150° statico e facciamo partire la musica che preferiamo, magari rilassante, sono momenti di grande atmosfera questi che seguono.

In una ciotola sbattiamo i tuorli con lo zucchero restante (ricordate?) e mentre giriamo aggiungiamo la crema intiepidita e il peperoncino tagliato a pezzetti oppure i fili essiccati come ho fatto io – ho fatto male. Il composto finale avrà una consistenza molto liquida, non disperate, è tutto ok. Versiamo la crema nelle cocottes, dopodiché adagiamole in una teglia da forno per metà riempita di acqua calda. Cuociamole nel forno che abbiamo preriscaldato prima per 50 minuti e a tempo ultimato mettiamole in frigo per circa 2 ore. Tiriamole fuori e finalmente il momento tanto atteso (le sentite le trombe?): cristallizzare lo zucchero che è tipo come quando vi fanno un massaggio alla testa.  Aahhhh sugar!

 

Bene! Riprendiamoci un attimo e andiamo avanti. Cucchiaio alla mano e poco zucchero di canna (va bene anche bianco) distribuito sulla superficie di ogni cocotte. Sciogliere il tutto con il cannello da cucina. Se non lo avete mettete le cocottes in forno a modalità grill sul livello più vicino al calore finché la crema non prende un colore bruno.  Tirateli fuori.

2016-11-30-08-23-25-1

Mmmmmm